Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Seleziona una pagina

Come ridurre la nostra produzione di CO2

14 Ago, 2019Cambiamenti climatici, Uncategorized

Una delle cause maggiori del riscaldamento globale e dei conseguenti cambiamenti climatici, con cui stiamo iniziando a misurarci già da qualche tempo, è certamente la produzione eccessiva di CO2 che si trova nella nostra atmosfera. L’aumento di anidride carbonica nell’aria crea il cosiddetto “effetto serra”, ossia intrappola il calore proveniente dalle radiazioni solari, impedendone la fuoriuscita naturale dall’atmosfera. Tutto ciò si riflette su numerosi aspetti, come la siccità, l’acidificazione e il riscaldamento degli oceani, lo scioglimento dei ghiacci, e numerosi altri effetti a catena.

A causare questo vertiginoso aumento di produzione di CO2 siamo stati noi, fondamentalmente, a partire dall’era industriale: estrazione di combustibili fossili, deforestazione, urbanizzazione sregolata, e allevamenti intensivi sono tra le ragioni più evidenti.

Quando però leggiamo queste informazioni ci sentiamo spesso impotenti davanti ai colossi del carbone e del petrolio o alle compagnie che producono palma da olio. Ma come possiamo intervenire, anche nel nostro piccolo, per cambiare la situazione, per partecipare attivamente al cambiamento e ridurre la nostra impronta ecologica?

Bene, ci sono diverse azioni che possiamo intraprendere che possono avere un grande impatto, se fatte da tante persone “comuni”.

Una casa più efficiente.

Prendiamoci cura della nostra casa monitorando i consumi, migliorando l’isolamento termico, installando il riscaldamento autonomo, diminuendo l’uso dell’aria condizionata (a volte basta un deumidificatore per abbassare di qualche grado la temperatura e risparmiare molta energia), cambiare il vecchio boiler o passare a lampadine a led.

Mezzi di trasporto

Anche se spesso ci piace trovare tante scuse per prendere la macchina invece della bici, o anche farci un bel giro a piedi, la differenza di CO2 prodotta sarà davvero notevole. E quando finalmente vogliamo organizzarci una vacanza, proviamo a prenotare un treno invece del volo: il tempo che impieghiamo a raggiungere la nostra destinazione potrà certamente essere maggiore, ma vogliamo mettere la vista del paesaggio fuori dal finestrino?

macchina-elettrica-in-carica-ecophylla-co2

Consumo

Questo è un punto sul quale talvolta si fa poca riflessione, ma anche solo comprare di meno può fare tanta differenza: meno produzione di beni (dei quali magari ci dimentichiamo l’esistenza il giorno dopo) significa meno consumo di risorse ed energie. Abbiamo davvero bisogno di cambiare il nostro smartphone ogni sei mesi o ogni anno? Potremmo acquistare un prodotto di seconda mano ma perfettamente funzionante, come una tv o un forno a microonde, senza alcun consumo. Altra attenzione potrebbe essere posta sul cibo: è molto importante prediligere il chilometro zero, così da minimizzare i trasporti, scegliere la frutta e verdura di stagione (non c’è bisogno di serre o energie supplementari per la coltivazione) e infine consumare meno carne (senza diventare necessariamente vegani).

Supporto e Divestment

Quando si ha la possibilità, è molto utile supportare aziende e associazioni che proteggono l’ambiente o fanno campagne a favore della conservazione ambientale, o ancora si può scegliere con attenzione il proprio fornitore di energia, informandosi se è prodotta da fonti rinnovabili, o infine fare “divestiment”, ossia rifiutarsi di investire in aziende che sono apertamente disinteressate alla

Piantare alberi

Può sembrare un’ovvietà, ma anche solo piantare alberi porta a grandissimi cambiamenti: oltre all’assorbimento diretto della CO2, l’aria sarà più fresca, tanti animali avranno nuovo spazio dove vivere e il terreno correrà meno rischio di frane. Si ricreerà un ecosistema a tutti gli effetti. Non dobbiamo per forza avere ettari di terreno a disposizione, possiamo anche “adottare” alberi da compagnie che li pianteranno per noi, o investire in aziende che si occupano di restauro ambientale.

Il Voto e le Idee

Non dimentichiamoci che la voce più forte che abbiamo è il nostro diritto di voto. Quando siamo chiamati alle urne dobbiamo farlo con coscienza e consapevolezza: informiamoci approfonditamente sui principi dei personaggi a cui vogliamo dare in mano il nostro futuro. E infine, parliamo, discutiamo, comunichiamo e scambiamo idee, coinvolgiamo più amici che possiamo, perché è grazie al lavoro di tutti che possiamo vedere presto il cambiamento che vogliamo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Troppo preziose per perderle: i mille valori delle foreste

Oggi, 21 marzo, in tutto il mondo si celebra la Giornata Internazionale delle Foreste. Ma qual è il ruolo svolto dalle foreste?

L’olio di fico d’india – il frutto degno di bandiera

L'olio estratto dal fico d'India è uno dei più preziosi utilizzati in cosmesi non solo per la grande quantità di materia prima necessaria a produrlo (per ricavare un litro di olio sono necessari circa 40-50 Kg di semi che corrispondono a circa una tonnellata di...

Foreste vetuste e di neoformazione: che cosa sono?

Due espressioni proprie del settore forestale, ma che oggi si sentono spesso anche fuori dall’ambito accademico. Sveliamo insieme il loro significato e il loro fondamentale contributo nel contrasto ai cambiamenti climatici.⁠

Burro di mango – Concentrato di benessere

Se dal punto di vista nutrizionale il mango è un vero concentrato di benessere, grazie al notevole contenuto di vitamine, minerali e antiossidanti, le stesse qualità lo rendono un prodotto davvero straordinario in campo cosmetico. Dalla spremitura del nocciolo del suo...

L’insostenibile leggerezza del fast fashion

C’erano una volta…le collezioni di abbigliamento autunno/inverno e primavera/estate. No, non è l’inizio di un bel racconto ma la storia di come il settore della moda, trainato dal fast fashion, sia diventato la seconda industria più inquinante al mondo dopo quella del petrolio, trasformandosi in un sistema con un impatto ambientale insostenibile.

Maschera all’argilla per il viso fai da te per ogni tipo di pelle

Le maschere sono dei trattamenti mirati a idratare e a depurare la pelle e molteplici sono i prodotti che possono essere utilizzati per prepararle. Uno dei più utilizzati per le rilevanti proprietà cosmetiche è l'argilla, nelle sue varianti verde, bianca, rossa,...

Il Coenzima Q10 – Un potente alleato della nostra pelle

Il Coenzima Q10 è un componente naturale di tutte le cellule umane. Il suo nome scientifico, Ubiquinone, deriva proprio dal fatto di essere “ubiquitario”, cioè presente ovunque all'interno degli organi.Chimicamente appartiene ad un gruppo detto ubichinone (o vitamina...

L’olio di Baobab – L’albero caduto dal cielo

La sapienza è come un baobab; una sola persona, a braccia aperte, non può stringerne il tronco. (proverbio africano) L'olio estratto dai semi del baobab è un vero condensato di benefici. La sua efficacia è apprezzata in ambito dermatologico poiché è un ottimo rimedio...

Earth Day – Non è un giorno ma un movimento

La giornata della Terra è dedicata a tutti i cittadini, per far conoscere loro cosa possono fare nel proprio piccolo, nella quotidianità, ma anche per dar loro lo spazio di protestare, scendere ancora una volta in strada (anche se stavolta solo virtualmente) ed attivarsi per esigere un cambiamento, qui ed ora.

Olio di Melograno: scopri il potere del frutto della vita per la pelle

L'albero del melograno e soprattutto il suo frutto, è sempre stato in tutte le culture ed in tutte le epoche simbolo di abbondanza, bellezza e fertilità, tanto da essere definito come “il frutto della vita”. Era già conosciuto dagli antichi egizi che lo usavano per...