Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Seleziona una pagina

Earth Day – Non è un giorno ma un movimento

22 Apr, 2020Cambiamenti climatici, Educazione, Sostenibilità

Esattamente cinquant’anni fa 20 milioni di Americani riempirono le strade per opporsi al modo in cui il nostro pianeta veniva trattato, facendo luce sul bisogno di politiche di protezione ambientale.

A determinare la mobilitazione, probabilmente, fu anche l’ondata emotiva causata dalla fuoriuscita di petrolio avvenuta l’anno precedente in California.

Questa manifestazione ebbe un’eco molto maggiore di quanto ci si aspettasse e generò un seguito crescente: vent’anni più tardi, il 22 Aprile 1990, parteciparono ben 141 Nazioni e più di 200 milioni di persone,  dando vita a tutti gli effetti a un evento internazionale che oggi si svolge in oltre 180 Paesi.

Mezzo secolo fa “conquistammo” anche la Luna, ricevendo la prima foto del nostro pianeta visto da una nuova prospettiva, una che ci univa tutti, una che ci mostrava per quello che siamo, infinitamente piccoli, impreparati, indifesi di fronte alla grandezza e potenza della nostra Terra.

Da allora abbiamo fatto molti passi avanti: il riciclo è diventato parte integrante del nostro vivere comune e abbiamo  leggi a tutela dell’ambiente e regolamentazioni sull’aria che respiriamo, sui fiumi, sui mari, sulle foreste. Nonostante questo siamo ancora in debito con il nostro pianeta, non stiamo ancora facendo abbastanza.

Il cambiamento climatico innescato dalla nostra economia fondata sui combustibili fossili  ha da tempo iniziato a mostrare i suoi effetti: le stagioni non sono più le stesse, la siccità è sempre maggiore, la biodiversità si va perdendo e nuovi virus stanno letteralmente mettendo in ginocchio il mondo per come lo conosciamo.

Earth Day 2020

Oggi come mai prima questo evento è importante, perché tratta un tema sentito con urgenza, soprattutto dalle nuove generazioni che vedono a rischio il proprio futuro.

In tutto il mondo i giovani stanno alzando la propria voce di fronte alle potenze che, invece di proteggere  l’ecosistema,  sono spesso  concentrate esclusivamente sul profitto, facendo finta di non vedere che questa strada non  porterà lontano.

Pochi giorni fa, i ragazzi di Fridays For Future Italia hanno scritto una lettera al Paese invocando una riconversione ecologica e hanno annunciato che presenteranno una serie di proposte concrete, in occasione del Global Digital Strike il 24 aprile.

Anche per questo motivo  il tema di quest’anno è proprio la Climate Action, l’azione di cui abbiamo bisogno per cambiare le cose: l’azione dei singoli, l’azione dei grandi, l’azione dei governi, delle organizzazioni internazionali, un’azione collettiva pronta a salvare il mondo.

Alla fine di quest’anno tutte le Nazioni dovranno rendere conto di quello che hanno fatto e di ciò che devono ancora fare per rispettare gli accordi di Parigi e  mantenere il riscaldamento globale sotto la soglia di 1,5°C entro il 2030.

Ci  piace sentire che abbiamo ancora un decennio per cambiare le cose, le scadenze sono il motore che ci ha sempre reso più produttivi, ma la verità è che se non rispettiamo questa deadline il mondo non si fermerà per noi, andrà comunque avanti, solo che ci lascerà indietro. Tutto qui.

L’azione climatica non è altro che un atto di sopravvivenza, una scelta di continuare a vivere, per il bene di tutti, per il bene dell’umanità intera. Dalla salute del pianeta dipende la nostra stessa salute.

Siamo tra coloro che hanno partecipato attivamente alla trasformazione climatica di cui siamo spettatori oggi. Europa, America Settentrionale e Cina in coda sono le aree con la più grande impronta ecologica, e perciò sono anche quelle che con le proprie abitudini e azioni possono davvero fare la differenza.

Apart-But-Connected-CREDIT-FAVIANNA-RODRIGUEZ-800-earthday2020

Come celebrare la Giornata della Terra

La giornata della Terra è dedicata a tutti i cittadini, per far conoscere loro cosa possono fare nel proprio piccolo, nella quotidianità, ma anche per dar loro lo spazio di protestare, scendere ancora una volta in strada (anche se stavolta solo virtualmente) ed attivarsi per esigere un cambiamento, qui ed ora.

Anche per questo l’Earth Day Network quest’anno ha voluto metterci alla prova con la Earth Day daily challenge, una sfida a fare qualcosa per il pianeta ogni giorno per 22 giorni: dal ridurre il consumo di plastica, al creare forme d’arte, dall’informazione personale, all’attenzione sul proprio consumo di carne, 22 azioni per partecipare attivamente alla difesa della Terra. Anche da casa, anche in quarantena.

È stata pensata per iniziare il 1° aprile e proseguire fino ai festeggiamenti per l’Earth Day, ma ciò non ci impedisce di ricominciarla e applicarla in qualunque momento dell’anno.

C’è anche un bell’evento, organizzato da Earth Day Italia, che si intitola One People One Planet: con una maratona multimediale di contenuti in streaming disponibili su RaiPlay dalle 8.00 alle 20.00 del 22 Aprile la Terra in tutte le sue forme  verrà celebrata, da attivisti, scienziati, artisti e gente comune. L’evento equivalente di livello internazionale, e dunque in lingua in inglese, è l’Earth Day Live.

Un altro evento molto simile, di durata di 3 giorni (per coincidere anche con lo sciopero globale del 24 aprile) è quello degli Earth Day Strikes.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Educazione: l’investimento migliore per una società inclusiva e sostenibile

24 Gennaio: Giornata Internazionale dell’educazione. Celebriamo uno dei diritti fondamentali dell’uomo, ed uno dei più preziosi.

10 Modi per riutilizzare i vasetti di Ecophylla Eticosmesi

Hai mai pensato che, una volta terminata la tua crema viso, invece di gettare il vasetto nella raccolta differenziata, potresti riutilizzarlo in modo creativo e anche funzionale? Se hai acquistato la nostra nuova crema viso al Q10 e Oli Rari, avrai letto nella parte...

Come ridurre la nostra produzione di CO2

6 idee su come ridurre la nostra produzione di CO2 e la nostra impronta ecologica

Il Coenzima Q10 – Un potente alleato della nostra pelle

Il Coenzima Q10 è un componente naturale di tutte le cellule umane. Il suo nome scientifico, Ubiquinone, deriva proprio dal fatto di essere “ubiquitario”, cioè presente ovunque all'interno degli organi.Chimicamente appartiene ad un gruppo detto ubichinone (o vitamina...

Scrub viso Fai da te per ogni tipo di pelle

Alcuni consigli per realizzare facilmente in casa degli scrub viso naturali ed ecologici specifici per ogni tipo di pelle con ingredienti di tutti i giorni.

Olio di Melograno: scopri il potere del frutto della vita per la pelle

L'albero del melograno e soprattutto il suo frutto, è sempre stato in tutte le culture ed in tutte le epoche simbolo di abbondanza, bellezza e fertilità, tanto da essere definito come “il frutto della vita”. Era già conosciuto dagli antichi egizi che lo usavano per...

L’olio di fico d’india – il frutto degno di bandiera

L'olio estratto dal fico d'India è uno dei più preziosi utilizzati in cosmesi non solo per la grande quantità di materia prima necessaria a produrlo (per ricavare un litro di olio sono necessari circa 40-50 Kg di semi che corrispondono a circa una tonnellata di...

Burro di mango – Concentrato di benessere

Se dal punto di vista nutrizionale il mango è un vero concentrato di benessere, grazie al notevole contenuto di vitamine, minerali e antiossidanti, le stesse qualità lo rendono un prodotto davvero straordinario in campo cosmetico. Dalla spremitura del nocciolo del suo...

Estratti meristematici: gemme rigeneranti che rivitalizzano la tua pelle

Anche se non sempre ce ne rendiamo conto, una delle grandi differenze tra esseri umani e mondo vegetale consiste nel fatto che mentre noi ad un certo punto della nostra vita smettiamo di crescere, anzi il processo che ci accompagna è “l'invecchiamento”, le piante per...

World Oceans Day: la giornata per salvare il Pianeta Blu

“E se ti dicessi che c’è un’essenza su questo pianeta così potente che può sostenere tutte le forme di vita? Un’essenza che può catturare il carbonio, regolare il clima e nutrire l’umanità, fornendo al contempo nuovi modi per guarirci, connetterci e portarci...