Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Seleziona una pagina

Foreste vetuste e di neoformazione: che cosa sono?

18 Lug, 2020Approfondimenti, Cambiamenti climatici, Educazione, Foreste

Foreste vetuste e di neoformazione sono due espressioni proprie del settore forestale, ma che oggi ricorrono anche sulla stampa e sui siti divulgativi perché vi è, almeno in apparenza, un rinnovato interesse nei confronti del patrimonio boschivo nazionale in conseguenza dei cambiamenti climatici sempre più manifesti, dell’inquinamento diffuso e delle pandemie forse ad essi correlate. Vediamo quale è il loro significato e quale ruolo possono svolgere nel gioco degli equilibri ambientali.

Le foreste vetuste

Le foreste vetuste non sono foreste vergini – in termini scientifici si dice “primeve” – ossia formazioni boschive mai toccate dall’uomo. Sono, invece, foreste utilizzate dall’uomo in passato, ma che non vengono più tagliate da molti secoli. Queste foreste nel tempo hanno acquisito particolari caratteristiche che ricordano quelle dei consorzi primevi. Ad esempio, sono connotate da alberi di dimensioni imponenti, ben distanziati tra loro, con fusti che presentano cavità e parti necrotiche, spesso coperti da licheni. Inoltre, nel bosco vetusto si riscontra molto legno morto in vari stadi di degradazione, a partire da alberi morti in piedi e tronchi adagiati al suolo. Si tratta, però, di foreste molto vive che mostrano tutti gli stadi del ciclo biologico delle singole piante e dell’intero ecosistema, dalla rinnovazione costituita dalle piante più giovani fino agli alberi senescenti prossimi alla morte biologica. Anche la fauna che ospitano è particolarmente ricca perché, grazie alla struttura forestale molto articolata e complessa, si ritrovano tutti gli elementi che compongono le reti alimentari. Completa il quadro un suolo profondo, maturo, molto fertile e con componente biologica espressa al massimo grado.

In Italia non esistono foreste vergini, ma quelle vetuste non sono rarissime. Naturalmente si parla sempre di popolamenti poco estesi, ma di enorme importanza scientifica e documentale. Al riguardo si possono ricordare le faggete vetuste della Val Cervara o di Coppo del Morto nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, quella di Sassofratino nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e quella del Monte Cimino nel Lazio, divenute Patrimonio UNESCO, oppure la lecceta di Monteluco presso Spoleto in Umbria. 

foreste-vetuste-monteluco-ecophylla

La loro funzione

L’importanza delle foreste vetuste, e quindi della loro conservazione, è assoluta. Sul piano ecologico rappresentano la massima espressione della biocomplessità (termine più efficace di biodiversità) degli ecosistemi ossia il più alto livello di efficienza, e allo stesso tempo di equilibrio, che un ecosistema possa raggiungere. Per tale motivo queste foreste sono anche tra i maggiori sequestratori di anidride carbonica di cui si possa disporre sulle terre emerse. Insieme con le foreste primeve, sono anche gli scrigni che custodiscono i patrimoni genetici più antichi, quelli che hanno resistito per secoli alle più varie modificazioni ambientali mostrando, di conseguenza, superlative capacità adattative. È lì che potremo recarci a raccogliere il seme se (o quando) i cambiamenti climatici metteranno in crisi gli altri boschi stressati da millenni di sfruttamento irrazionale da parte dell’uomo. Soprattutto, è fondamentale e insostituibile il ruolo che le foreste vetuste rivestono in campo scientifico. Esse, infatti, da una parte costituiscono il laboratorio più attrezzato per cercare di approfondire le conoscenze sul funzionamento degli ecosistemi forestali, dall’altra sono l’unico riferimento possibile per il perfezionamento dei modelli di gestione forestale e delle tecniche di selvicoltura. La conservazione di queste foreste è perciò imperativa e la loro perdita sarebbe irreparabile. Purtroppo, pochi se ne rendono conto e in molti Paesi il rumore delle motoseghe non è affatto estraneo a questi boschi. 

val cervara foreste vetuste ecophylla

Le foreste di neoformazione

Si definiscono invece foreste di neoformazione quei boschi che si sono costituiti o si stanno formando spontaneamente sui terreni abbandonati. Si tratta di un processo che si ripete periodicamente per cause naturali o antropiche. Nel primo caso è determinato dalla ricolonizzazione di aree forestali distrutte da incendi, frane, valanghe, alluvioni o altri eventi calamitosi. Nel secondo, è legato alle migrazioni dei popoli. In Italia l’ultimo “ciclo” è iniziato verso dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e, più in particolare, negli anni Sessanta del secolo scorso quando, in coincidenza del boom economico e industriale del Paese, cominciò il rapido spopolamento delle aree interne, rurali e montane, a vantaggio delle città. La riconquista da parte dei boschi dei terreni agricoli è stata imponente e oggi si stima che non meno del 20% del patrimonio forestale nazionale sia di neoformazione.

Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad ecosistemi forestali di grandissima importanza che andrebbero conservati tal quali. A loro si deve, infatti, la stabilizzazione di tanti terreni che altrimenti sarebbero scomparsi a causa dell’erosione prodotta dalle piogge, con conseguente aggravamento dei fenomeni di dissesto idrogeologico che affliggono l’Italia. A loro si deve l’incremento della capacità di assorbimento di anidride carbonica e anche della fauna selvatica. A loro, infine, il ruolo di modelli per comprendere come nasce e si sviluppa spontaneamente un bosco. Attenzione, dunque, a non sottovalutare e degradare o distruggere questi boschi. Alcuni di loro potrebbero essere le foreste vetuste di domani.

Conclusioni

In un contesto ecologico più generale, i boschi di neoformazione e quelli vetusti rappresentano ciò che rende completo il ciclo forestale. La maggior parte dei nostri boschi, infatti, è ordinariamente utilizzato e pertanto costituito da formazioni che non vengono lasciate alla loro libera evoluzione, ma vengono tagliate al momento della loro maturità commerciale ovvero viene negata loro la possibilità di invecchiare fino al limite della vita biologica. Egualmente, nel nostro Paese si sta affermando la tendenza a eliminare le foreste di neoformazione considerandole invasive.

Questo tipo di pratiche però non solo è scorretto nei confronti delle foreste, ma mette in pericolo la nostra stessa sopravvivenza. I cambiamenti climatici in atto stanno rendendo gli equilibri del pianeta molto fragili, almeno per ciò che concerne la nostra condizione. Salvaguardare e proteggere le foreste non è dunque solo un dovere o una forma di rispetto nei loro confronti, ma anche un impegno da prendere per il futuro delle nuove generazioni.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maschera all’argilla per il viso fai da te per ogni tipo di pelle

Le maschere sono dei trattamenti mirati a idratare e a depurare la pelle e molteplici sono i prodotti che possono essere utilizzati per prepararle. Uno dei più utilizzati per le rilevanti proprietà cosmetiche è l'argilla, nelle sue varianti verde, bianca, rossa,...

L’insostenibile leggerezza del fast fashion

C’erano una volta…le collezioni di abbigliamento autunno/inverno e primavera/estate. No, non è l’inizio di un bel racconto ma la storia di come il settore della moda, trainato dal fast fashion, sia diventato la seconda industria più inquinante al mondo dopo quella del petrolio, trasformandosi in un sistema con un impatto ambientale insostenibile.

Earth Day – Non è un giorno ma un movimento

La giornata della Terra è dedicata a tutti i cittadini, per far conoscere loro cosa possono fare nel proprio piccolo, nella quotidianità, ma anche per dar loro lo spazio di protestare, scendere ancora una volta in strada (anche se stavolta solo virtualmente) ed attivarsi per esigere un cambiamento, qui ed ora.

World Oceans Day: la giornata per salvare il Pianeta Blu

“E se ti dicessi che c’è un’essenza su questo pianeta così potente che può sostenere tutte le forme di vita? Un’essenza che può catturare il carbonio, regolare il clima e nutrire l’umanità, fornendo al contempo nuovi modi per guarirci, connetterci e portarci...

L’olio di Baobab – L’albero caduto dal cielo

La sapienza è come un baobab; una sola persona, a braccia aperte, non può stringerne il tronco. (proverbio africano) L'olio estratto dai semi del baobab è un vero condensato di benefici. La sua efficacia è apprezzata in ambito dermatologico poiché è un ottimo rimedio...

L’Ora della Terra – Facciamo riposare il pianeta

Sabato 28 marzo, dalle ore 20:30 alle 21:30, avremo tutti un appuntamento importante, quello con il nostro pianeta. Earth hour 2020

Fai una cosa oggi per aiutare a preservare la biodiversità del mondo!

#DoOneThingToday è l’hashtag della campagna di comunicazione che oggi 3 marzo ci invita tutti a mobilitarci in occasione della Giornata Mondiale della Vita Selvatica, istituita nel 2013 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per celebrare e sensibilizzare sul mondo di piante e animali a rischio di scomparsa.

Scrub viso Fai da te per ogni tipo di pelle

Alcuni consigli per realizzare facilmente in casa degli scrub viso naturali ed ecologici specifici per ogni tipo di pelle con ingredienti di tutti i giorni.

Burro di mango – Concentrato di benessere

Se dal punto di vista nutrizionale il mango è un vero concentrato di benessere, grazie al notevole contenuto di vitamine, minerali e antiossidanti, le stesse qualità lo rendono un prodotto davvero straordinario in campo cosmetico. Dalla spremitura del nocciolo del suo...

Educazione: l’investimento migliore per una società inclusiva e sostenibile

24 Gennaio: Giornata Internazionale dell’educazione. Celebriamo uno dei diritti fondamentali dell’uomo, ed uno dei più preziosi.